Benvenuti nel nostro Blog

Nanna, nozioni di base: dalla nascita a 3 mesi

Nanna, nozioni di base: dalla nascita a 3 mesi

Ritmo del sonno di un  neonato tipo

I neonati dormono molto, in genere fino a 16-17 ore al giorno. Ma durante le prime settimane di vita, la maggior parte dei bambini non dorme più di 2 o 4 ore consecutive, giorno o notte. Risultato? Mentre il tuo bambino dormirà tantissimo, probabilmente i tuoi ritmi di sonno saranno stravolti perché dovrai alzarti spesso la notte per nutrire, cambiare e accudire il tuo piccolo.

Perché il ritmo del sonno di un neonato è irregolare. I cicli di sonno del bambino sono molto più brevi di quelli degli adulti. I neonati trascorrono più tempo nel sonno REM (movimento oculare rapido) in quanto si ritiene sia necessario per lo sviluppo delle funzioni cerebrali. Anche se ti sembrerà un’eternità, questa fase però non durerà a lungo: verso la 6°-8° settimana di vita il tuo bambino inizierà ad avere dei periodi di sonno più lunghi la notte e più brevi durante il giorno, anche se la maggior parte dei neonati continuerà a svegliarsi durante la notte per la poppata.Secondo gli esperti verso i 4 e i 6 mesi di vita, il neonato è in grado di dormire per un periodo da 8 a 12 ore durante la notte.

Come stabilire buone abitudini di sonno del bambino

Ecco alcuni consigli per aiutare il tuo bambino ad addormentarsi:

  • Sonnellini frequenti. Durante le prime 6-8 settimane di vita abitua il tuo piccolo di fare dei sonnellini frequenti. I neonati in questo periodo non sono ancora in grado di restare svegli più di 2 ore consecutive. Se aspetti troppo prima di metterlo a dormire potrebbe essere troppo stanco e avere problemi ad addormentarsi.
  • Insegna al tuo bambino la differenza tra giorno e notte. Già verso le 2 settimane di vita potrai iniziare a insegnare al tuo piccolo a distinguere la notte dal giorno: durante le ore di veglia diurna interagisci il più possibile con lui. Mettilo in locali luminosi e non preoccuparti di ridurre il volume dei rumori, come lo squillo del telefono, la musica o l’aspirapolvere. Durante le poppate se tende ad addormentarsi, cerca di svegliarlo. Durante la notte non giocare con lui quandosi sveglia. Mantieni le luci e il livello di rumore bassi e non passare troppo tempo a parlare con lui. Fra non molto inizierà a comprendere che la notte è fatta per dormire.
  • Segnali di stanchezza. Osserva i segnali di stanchezza del tuo bambino. Se si sta sfregando gli occhi, tirando un orecchio o diventa più piagnucoloso del solito, potrebbe essere stanco e prova a metterlo a dormire. Presto anticiperai il suo ritmo sonno-veglia e saprai istintivamente quando sarà pronto per un pisolino.
  • Routine della buonanotte. Non è mai troppo presto per iniziare a provare a seguire una routine della buonanotte. Potrai iniziare con  qualcosa di semplice come cambiare il tuo piccolo prima di metterlo nella culla o nel lettino, cantargli  una ninna nanna e dargli un bacio della buonanotte.
  • Metti a letto il tuo bambino quando è assonnato ma sveglio. Già verso le 6 o 8 settimane di vita potrai abituare il tuo piccolo ad addormentarsi da solo. Come? Mettilo giù quando è assonnato, ma ancora sveglio, suggerisce Jodi Mindel – direttore associato del Sleep Disorders Center al Children’s Hospital di Philadelphia e autore di Sleeping Through the Night. Mindell sconsiglia di dondolare o allattare il bambino per farlo addormentare, anche in questo periodo di vita. “I genitori credono che quello che fanno durante le prime settimane di vita del neonato non sortisca alcun effetto più avanti”, dice, “Ma non è così. I bambini stanno imparando le loro abitudini del sonno: se culli tuo figlio ogni notte per le prime otto settimane, perché dovrebbe aspettarsi qualcosa di diverso più avanti?”.

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial